29 Gennaio 2019 -

DIVINE WIND (2018)
di Merzak Allouache

Più che un “vento divino”, Divine wind è un vento di tempesta, di morte, di insanabili conflitti. Un vento di ascetismo e di dubbi, di piccoli cedimenti e di incubi, di fondamentalismi e di apostasie, che spira là dove la religione non è già più religione, ma è diventata ossessione, guerra, odio, terrorismo, inumanità. Un enorme travisamento, che fa leva sulla (buona) Fede degli uomini e delle donne per trovare i soldati di inconsapevoli battaglie politiche ed economiche, e che quotidianamente, sempre più, umilia l’Islam nel tradimento dei suoi più basici principi di uguaglianza e fraternità. È un vento di granitiche e ferali certezze che scricchiolano, Divine wind, è un vento di ricordi tenuti nascosti come ferite mai del tutto cicatrizzate, di spiragli d’umana fragilità che quasi sibillini si fanno largo nell’intransigenza della radicalizzazione. È un vento che trascina nel suo vorticare solo vittime, delle circostanze e di loro stesse, pericolosamente affacciate sul crinale fra bene e male, private della possibilità di decidere fra convinzione e inganno, fra (auto)martirizzazione e strage, fra risolutezza e crisi di coscienza poco prima dell’attacco, «e ancora hanno il coraggio di professarsi musulmani».
Presentato nella sezione Voices del 48mo Festival di Rotterdam a pochi mesi dalla prima mondiale di Toronto, l’ultimo lavoro del veterano algerino Merzak Allouache è un detour umanissimo e dolente, al contempo abbacinante nel suo minimale bianco e nero digitale e oscuro nei suoi ipnotici contrasti notturni, come i meandri di due anime lanciate verso la deriva. Degli echi politici del Califfato islamico, lasciati volutamente nel mistero insondabile del fuori campo da cui arrivano gli ordini di chi manda a morte senza mai morire e nella sostanziale mancanza di reali motivazioni dei suoi protagonisti, Divine wind preferisce estrapolare i drammi esistenziali e sociali, le titubanze e le (in)consapevoli contraddizioni, ribaltando lo sguardo di ogni musulmano sull’ISIS nella messa in scena, fra forsennati primi piani e una straordinaria espressività degli sguardi, del vacillare di un punto di vista interno, del ripensamento, della frattura, del dramma. Quello del giovane e passivo Amine, poco più di vent’anni e la paura di morire che inesorabile corre al suo fianco mentre si allena, preparandosi per una guerra che vuole combattere ma per cui non è pronto a morire, in quel deserto algerino che al telefono con il padre chiama ancora precauzionalmente «Barcellona», e quello di Nour, che di anni ne ha solo pochi di più ed è almeno in apparenza molto più integralista e “pronta” di lui, donna dura e accecata dall’ideologia che tratta tutti come fossero i suoi cani e comunica senza appello gli ordini ricevuti, che malvede la televisione e i cellulari come se fossero simboli del suo immaginario nemico e che si aggira velata e guantata come una spietata dark lady, ma che al di sotto del suo hijab conserva ancora tutta la sua femminilità, al di sotto della sua corazza di Fede e disciplina incattivite dalla vita conserva ancora in borsa il passaporto francese e la foto bruciata di una sorella già «martire di Allah». Quando vede un paio di scarpette perlate Nour vacilla per un attimo, in un sorriso destinato a tornare espressione accigliata; a volte si ritrova a danzare da sola fra le dune con un partner immaginario o più probabilmente strappatole via dal duro passato, e nel cuore della notte, quando è più esposta e meno guardinga, viene ancora visitata dagli incubi di sempre e dagli insperati sprazzi di sensibilità di chi, ben più che la necessità di offrirsi a Amine per trattenerlo nella missione, ha (ancora, e forse soprattutto) un forsennato bisogno di tenerezza.

Amine e Nour non si conoscono, al momento del loro primo incontro, ma saranno destinati, nell’attesa della missione (suicida) e delle armi, a convivere fra le cure, il cibo, il thé e le telefonate di svolta dell’anziana El Hadja, anima a metà fra i due il cui sacrificio sarà l’unica possibile via verso la loro reale natura. Finiranno per confrontarsi, studiarsi, e inevitabilmente sentire un legame nascere e crescere. Un legame fatto di incertezze e di dolore, di lacrime e di ansiolitici nell’attesa dell’ordine liberatorio eppur fatale, di escursioni nel deserto e di dispetti per ristabilire le gerarchie, di impotenti grida nella sabbia e di visioni tragicamente approssimate del mondo, di atroci convinzioni e di atti efferati, ma anche di ambigue attrazioni negate e poi di abbracci proibiti, di carezze e di sguardi, di labbra che si desiderano, solo per un attimo si sfiorano e poi inevitabilmente si perdono. Come un legame d’amore impossibile che sale inaspettato a tentare di crepare la superficie dell’odio e della morte, fugace come un bacio, devastante come un detonatore. Del resto, il cinema di Merzak Allouache è sempre stato, sia nel profondo realismo della finzione sia nei – più rari – documentari, figlio di una ben precisa urgenza. Un’urgenza che inevitabilmente, seguendo il passare del tempo e il corso degli eventi, si è spostata dall’iniquità alienante della società algerina che metteva in scena già nella seconda metà degli anni Settanta nell’esordio Omar Gatlato a uno sguardo sempre più panarabo e sempre più allarmato sulla radicalizzazione, che dalle battaglie di Bab Ed Oued City di metà anni Novanta, dopo essere passato per le Torri Gemelle e per le Primavere Arabe deve ora fare i conti con il Califfato dell’ISIS, con i suoi proselitismi che uccidono per uccidere, con i suoi attentati europei e con l’ondata islamofoba mondiale che, come un tragico effetto domino, ne è conseguita. L’urgenza di Divine wind non è tanto quella di dichiarare la propria esplicita opposizione e condanna ai fondamentalismi, dopo un’intera carriera non ce n’è nemmeno più bisogno, e come anticipato non è nemmeno quella di interrogarsi più di tanto sulla politica che sta dietro alle cellule di reclutamento, volutamente lasciata nella stessa nebbia attraverso cui i protagonisti vedono l’intera società «apostata» da attaccare. L’obiettivo di Allouache è quello, lontano da ogni facile intento bacchettone, di cercare di capire l’anima dell’integralista, che cosa lo spinga e che cosa lo trattenga, quali siano i suoi dubbi e i suoi traumi, quali siano le sue confusioni e le sue contraddizioni, sondando l’irrazionale alla ricerca di un ultimo barlume di umanità che emerga dal suo cieco, rancoroso e radicale bigottismo.
Divine wind sono gli occhi di Nour che si velano solo per un attimo di lacrime e poi si serrano di nuovo in uno sguardo duro e contrito, Divine wind sono i singhiozzi di Amin alla disperata ricerca di una via d’uscita, Divine wind sono gli ordini di morte e i giubbotti esplosivi che giungono per farsi saltare nel vicino pozzo petrolifero, ma soprattutto Divine wind è il progressivo deterioramento psicologico, è quel dubbio che si insinua, è quella crisi di coscienza, è quel barlume di lucidità nel capire che si ha già ucciso e ci si sta per sacrificare nel nome di una guerra sbagliata, ma ormai è forse troppo tardi per ascoltarlo. Divine wind è un guardarsi a vicenda mentre ci si dimena nel sonno fino all’inevitabile progressivo aprirsi, Divine wind è il costante voler dimostrare la propria radicale Fede e la propria rigorosa disciplina fra preghiere e (auto)punizioni, fino a quando il cuore e la testa non potranno che chiedere solo di fermarsi, di abbracciarsi, di appartenersi per annullare le fragilità e le paure, almeno per una notte, o magari per due. Nel sogno, magari, di riuscire a fuggire insieme, come novelli Romeo e Giulietta che dalla condanna a morte riescono a ribellarsi, a vivere, ad amare. O forse a ritrovarsi sulla sabbia, per l’ultima volta discordi, ma entrambi consci che ormai l’unico posto dove potranno andare insieme è il paradiso. E che l’unico modo per potere ancora sperare di andarci è quello di premere il pulsante del detonatore finché si è da soli, prima di arrivare all’obiettivo. Salvando per lo meno le vite di chi può ancora essere salvato.

Marco Romagna

“Divine Wind” (2018)
96 min | N/A | Algeria / France / Qatar / Lebanon
Regista Merzak Allouache
Sceneggiatori Merzak Allouache
Attori principali Abdelatif Benahmed, Hacène Benzerari, Sarah Layssac, Mohamed Oughlis
IMDb Rating 6.4

Articoli correlati

HIGH LIFE (2018), di Claire Denis di Nicola Settis
THE MOUNTAIN (2018), di Rick Alverson di Marco Romagna
NUESTRO TIEMPO (2018), di Carlos Reygadas di Nicola Settis
THE RIVER (2018), di Emir Baigazin di Erik Negro
TRAMONTO (2018), di László Nemes di Nicola Settis
NI DE LIAN (YOUR FACE) (2018), di Tsai Ming-Liang di Nicola Settis