5 Maggio 2017 -

DORME (1993)
di Eros Puglielli

“Anna dorme. Dorme!”

Il cinema è come una bella ragazza. Bisogna impegnarsi a fondo per conquistarlo, bisogna dimostrare di essere quello giusto, bisogna raggiungerlo e tenerselo stretto, con le unghie e con il sudore, con l’artigianato, con la capacità di sobbarcarsi ogni ruolo: regista, fonico, sceneggiatore, direttore della fotografia, costumista, montatore, produttore. Eros Puglielli, nel sottobosco fantastico e indipendente italiano su cui si focalizza l’Apocalissi a basso costo fra i bocconi più succulenti del Future Film Festival 2017, è probabilmente il nome più noto al pubblico, l’unico che, seppur tardivamente e non certo in maniera capillare, è riuscito a ritagliarsi un minimo di spazio all’interno delle maglie distributive italiane. A partire proprio da Dorme, lungometraggio d’esordio folgorante e sfavillante, bomba visionaria e acida giunta nel 1993 a rivelare un talento straordinario e ancora oggi sottovalutato, acquisita una prima volta nel 2000 – data di riferimento anche per Imdb – per uscire solo nelle sale romane, e successivamente ridistribuita nel 2012 in giro per la penisola.

Al momento della prima uscita, tuttavia, Dorme circolava già da 7 anni per i salotti capitolini in videocassette pirata duplicate centinaia di volte e ormai erose, e già si era ritagliato, insieme ai numerosi cortometraggi realizzati in super16 da Puglielli negli anni del Centro Sperimentale di Cinematografia, il proprio posto fra i film di culto, tanto da convincere Indigo Film a finanziarne la vidigrafia – sostituendo le troppo costose musiche dei Pink Floyd con una colonna sonora originale – per stamparlo in 35mm. Girato nel ’93 in VHS da un Puglielli appena diciannovenne usando come attori vecchi amici e compagni del liceo, catturando l’audio direttamente con la macchina e montando poi in Beta usando come riferimento solo il timecode senza moviola né possibilità d’errore, Dorme è l’anticipazione di tutto il cinema indipendente italiano, il primo caso di autoproduzione a bassissimo costo, la (prima) prova che un cinema diverso era possibile, sostituendo il talento e l’immaginario alle grandi produzioni, sostituendo il divertimento fra amici all’industria e alle sue rigide logiche.

Dal low-fi di Dorme, nato a metà fra il gioco e la prova d’ammissione al Centro Sperimentale, emerge una borgata capitolina fatata, onirica, eppure lisergica, sadica, violenta. Pericolosa, come i fratelli Riccio, che in realtà sono un solo squilibrato che sfreccia in motorino e “je mena” tutti convinto di essere due gemelli; asfittica, come il padre del protagonista Ruggero Acque (evidente traduzione di Roger Waters, bassista dei Pink Floyd) nelle sue continue umiliazioni del figlio e nella sua ossessione per la carne “che fa crescere”. Già, che fa crescere, eppure pare non aver funzionato, con Ruggero rimasto 1 metro e 60 a 19 anni, schernito dai conoscenti, eroso dal suo senso di inferiorità, lasciato proprio a causa della sua statura da Anna, la “bella donna” che ora sta proprio con i fratelli Riccio e si fa negare al telefono dopo due anni di fidanzamento. “Anna dorme. Dorme”. Solo il suo amico segretamente omosessuale Michele Campovecchio (altro omaggio “musicale” a Mike Oldfield) supporta Ruggero nella lotta per riconquistare la sua bella: sono due perdenti uniti nel campo di battaglia quotidiano di un mondo che non accetta i “diversi”, siano essi attratti dal proprio sesso o affetti da un nanismo esasperato dall’altezza vorticosa delle case popolari.

Prima ancora che un’incursione nel sentore di inadeguatezza giovanile, in cui Ruggero diventerà, complice il potente psicofarmaco “Monaco 2” e il suo Specchio delle Brame che trasformerà il timore nei confronti del padre nel coraggio e nella forza di Mazinga, in un supereroe strafatto, Dorme è un’eversiva passeggiata nel distorto, è un cinema personalissimo, lontano da qualsiasi canone e ancora oggi unico, forte di una messa in scena che prende il reale e lo deforma fra fisheye, soggettive ad altezza nano, tremolii à la Sam Reimi, audaci carrellate a mano dall’orizzonte obliquo e personaggi necessariamente caricaturali. Fra cabine telefoniche e inni giovanilistici di Mario Tessuto, l’esordio di Puglielli è un film di percezioni inacidite, in cui la messa in scena splendidamente audace crea un costante senso di vertigine e di mostruosità emblematica, universale, metaforica di ognuno di noi e paradigmatica di una società atterrente, o per lo meno vissuta come tale.

Dorme è un film profondamente libero, slegato da qualsiasi logica commerciale, un pastiche di generi irresistibilmente spassoso fra tormentoni “come una bella donna” e sogni di California. È ancora oggi una bomba su un mondo-cinema sempre più asfittico e livellato, è una boccata d’ossigeno che toglie progressivamente l’ossigeno ai suoi protagonisti, costretti a far cedere le proprie barriere di autodifesa, costretti a mettersi a nudo, costretti a confessare, in primo luogo a loro stessi, le proprie inadeguatezze e le proprie bugie. Costretti a entrare a forza in quegli anni Novanta che, solo nel ’93 e in larga parte per caso, Dorme riusciva già a sintetizzare fra un protagonista nano che agisce sotto i cartelloni con cui un altro nano preparava la propria discesa in campo e le ossessioni pop della psichedelia e degli anime. Fra cinepugni di montaggio e dissolvenze dello skyline di New York sulla provincia romana, baci e palpeggiamenti, inseguimenti sulla Renaut 4, furti di benzina e ritorni alla festa origine del trauma, Dorme inanella una serie pressoché infinita di geniali trovate narrative e di messa in scena, portando l’antieroe all’apice del proprio eroismo e della propria sincerità. E mentre Ruggero impara a discernere ciò che esiste da ciò di cui si è autoconvinto nella sua depressione allucinata, Dorme procede anarchico, eretico, inclassificabile, figlio di un immaginario che non assomiglia a nient’altro, principale mattone alle fondamenta di un cinema italiano realmente indipendente, appassionato, originale, artigianale, fresco e libero. Un cinema di cui ancora oggi, come e più di 24 anni fa, c’è assoluto bisogno.

Marco Romagna

“Dorme” (2000)
75 min | N/A | Italy
Regista Eros Puglielli
Sceneggiatori Cristiano Callegaro, Eros Puglielli
Attori principali Cristiano Callegaro, Alessio Muzi, Federico Calisti, Anna Bastoni
IMDb Rating 7.1

Articoli correlati

SANTIAGO. ITALIA (2018), di Nanni Moretti di Marco Romagna
BORMIDA (2018), di Alberto Momo di Erik Negro
DAFNE (2019), di Federico Bondi di Marco Romagna
UNBREAKABLE (2000), di M. Night Shyamalan di Nicola Settis
CHE FARE QUANDO IL MONDO È IN FIAMME? (2018), di Roberto Minervini di Marco Romagna
STELLASTREGA (2018), di Federico Sfascia di Marco Romagna